2022 © Handcrafted with love by the  Pixelgrade  Team

Tony Riggi incontra Zuma il cantante mascherato di origini napoletane


che intende contestare l’illegalità del mondo musicale

 

Zuma cantante partenopeo di 26 anni (si definisce un amante della musica napoletana), con la passione per la musica latino americana, ha reso noto che tra qualche mese uscirà un suo nuovo brano stile latino,  fuori dagli schemi abituali. L’artista in questione può essere considerato un artista a 360 gradi, in quanto ha l’animo nobile di scrivere poesie, ne ha scritte diverse e una rivolta alla sua bella città di Napoli. Zuma nei suoi spettacoli purtroppo è costretto ad indossare la maschera perché intende battersi contro l’illegalità che esiste a suo parere nel panorama della musica del sud. Il suo atteggiamento non lo fa per suscitare curiosità, ma solamente per tutelarsi perché ritiene di essersi messo contro l’illegalità all’interno del settore musicale. Zuma ha recentemente dichiarato “ il sistema campano del sud che orbita intorno alla musica neomelodica o partenopea è per la maggior parte  corrotto. Ci sono produttori con buoni propositi ma anche quelli collusi in attività malavitose. Se ci si fa  caso, lavorano sempre gli stessi e non parlo solo di artisti ma gente dietro l’artista. Ogni anno poi cambia il personaggio da lanciare, un anno investono su uno che arriva ad essere popolare con soldi di dubbia provenienza e dopo un anno cercano subito un altro artista per poter riciclare cosi il denaro”. Recentemente Zuma su fb aveva appostato “al giorno d’oggi con la tecnologia esistente, per sponsorizzare un artista sono sufficienti anche 100 euro al mese, non è il caso di dare tanti soldi a persone che non si conoscono e che si spacciano anche per produttori, per poi non guadagnare niente” – La sua presa di posizione è condivisa da tanti colleghi nell’ambito musicale e tra questi c’è il noto cantautore di Latina Tony Riggi. Questi lo abbiamo incontrato in una fredda serata d’autunno per conoscere precisamente il suo punto di vista” io sono a fianco di Zuma nel combattere questo sistema e non bisogna avere assolutamente paura di fare certe affermazioni. Anche io da anni ho sempre percorso strade dove sono rimasto bloccato perché spesso e volentieri mi richiedevano delle somme in denaro mascherate sotto forma di sponsor. Se hai questo puoi andare avanti, altrimenti non facciamo nulla. Adesso è il momento di dire basta, credo che se oggi si è grado di fare musica, la si può fare al 100 per cento con la globalizzazione e con pochi strumenti, l’importante è affidarsi alle persone giuste che esistono anche in questo mondo. Ecco perché è nata Arcadia, una produzione discografica senza scopi di lucro, sede di Radioclockmania quindi una Radio Web che lavora con gli emergenti, tende a produrre artisti che hanno voglia di essere prodotti e intendono lavorare a low cost. In Via Monti a Latina pertanto, si offre spazio anche a chi non ha la possibilità di studiare musica e vogliono  conoscere il linguaggio M che è universale. Quindi a queste condizioni, il ragazzo che non è in grado di fare produzioni grosse, può iniziare comunque l’attività artistica senza forti impegni finanziari. Zuma è stanco di tutte le pressioni che ha subito nel suo percorso musicale, intende denunciare questo vecchio sistema e rischia di subire ritorsioni. Io ho vissuto la stessa situazione nella Polizia di Stato, per me è stato difficile dover lottare in un ambiente che tanto amavo e l’ho tranquillamente ricordato l’altra sera in presenza della Schirillò, ma vedo che continua a non esserci chiarezza. Vorrei specificare che dal momento che sostengo Zuma, chi vuole parlare con lui può anche contattare me, perché presto faremo insieme dei concerti di sensibilizzazione. Colgo l’occasione per rendere noto che è appena uscito il mio nuovo singolo  “Caronte lo scafista” e ho in serbo altri progetti.  Io e Zuma intendiamo  mantenere un alto livello di professionalità, vogliamo  internazionalizzare il prodotto, pertanto presenteremo  dei validi prodotti musicali anche fuori Latina.

Grazie e buona fortuna Tony e Zuma.

Rino R. Sortino

 


Lascia un commento