2022 © Handcrafted with love by the  Pixelgrade  Team

Roberto Dentici è l’autore del libro “Maria e il mistero dell’amore vero”


 

 

 

“Maria e il mistero dell’amore vero” è un libro romanzato nella storia dei personaggi, ma le vicende dove i fatti si verificano,  è un contesto reale. L’idea di scrivere questa storia  venne  all’autore Roberto Dentici  tanti anni fa quando si ritrovò a casa  di una signora molto anziana, che giaceva sul letto di morte, contorniata  da tutta la sua famiglia. Nel sentire i commenti che i familiari ed amici le  facevano, Roberto si incuriosì su quale  tipo di vita  avesse condotto la Signora da giovane. Quando  dopo qualche giorno arrivò purtroppo il fatidico momento dell’ultimo respiro, lo stesso Dentici chiese in giro informazioni riguardo la signora deceduta.  Interrogò parenti e conoscenti, ma non c’era molta coerenza in quanto dicevano una cosa differente dall’altra.  A quel punto l’autore decise di  scrivere una vicenda ambientata in quel periodo, molto buio per l’Italia che precedeva la Prima Guerra Mondiale.  Le vicende della protagonista si svolgono in un contesto storico nel quale l’autore dimostra una profonda conoscenza  documentata nei fatti. La vicenda fondamentale  si svolge nel 1914 a Dolo vicino Venezia  dov’ è descritto il vissuto di una ragazza contadina di umili origini, che per la prima volta  a 16 anni lascia la campagna per trasferirsi  (come spesso succedeva in quegli anni  alle figlie dei contadini), a servizio in una casa di signori. Maria si sentì improvvisamente  baciata dalla fortuna,  perché il padrone  del  podere,  aveva bisogno di una cameriera  così decise di prenderla a servizio. La ragazza era totalmente inesperta perché fino a quel momento  aveva soltanto vissuto  in campagna con  i genitori e una sorella  di circa due anni più piccola. Ma in quella nuova  realtà  dove logisticamente stava meglio rispetto a casa sua, (quando divideva il letto con la sorella), continuò sempre a sentire la mancanza della sua famiglia. Maria  grazie alla sua laboriosità ed efficienza, oltre che  al suo carattere dolce e tranquillo, entrò presto in simbiosi con la padrona di casa, che la trattava con molta benevolenza. Tutto stava andando per il meglio ma  nel mese  giugno di quell’anno, avvenne qualcosa che avrebbe condizionato fortemente lo stato d’animo della ragazza: il figlio della signora tornò a casa per le vacanze estive, tra i due scattò una scintilla di interesse reciproco e il ragazzo parlando con lei  ne intuì l’intelligenza e cominciò a farle   leggere dei libri nei momenti di tranquillità. I due fatalmente si innamorano, ma tra loro non accadde nulla oltre l’aspetto spirituale. La ragazza scoprì una nuova dimensione culturale che poi si completò  tramite i colloqui con il giovane fattore che le parlava di lotta di classe e del sogno di costruire un mondo di eguali. In quel mese le vicende storiche precipitarono: l’assassino a Sarajevo dell’arciduca Ferdinando e   della moglie  sconvolsero  l’intera opinione pubblica italiana. Sullo sfondo sociale le problematiche erano diverse: il timore per alcuni e la speranza per altri, che anche il Regno d’Italia potesse entrare nella grande guerra, inoltre si stava verificando sempre nel nostro paese una grave crisi politica e soprattutto  economica provocata dalle nazioni belligeranti Si presentavano grosse difficoltà  soprattutto nel Veneto, dove con il blocco al porto di Venezia, più dell’ottanta per cento delle attività economiche si erano fermate. Tutti questi avvenimenti storici fanno da cornice alle vicende narrate nel libro, “Maria e il mistero dell’amore vero”.  La protagonista con il tempo maturò la giusta consapevolezza della sua esistenza, dopo che in un primo momento si era illusa di poter essere accolta in quella famiglia come una pari. Purtroppo, presto capirà che la benevolenza manifestata nei suoi confronti dalla sua signora, pur animata dal desiderio di fare di lei una donna sicuramente più colta e  di insegnarle tutte le regole del “bon ton”, non avrebbero mai annullato la differenza tra le  classi sociali di rispettiva appartenenza.

 

Rino R. Sortino

 


Commenti (1)